De Cecco

Sede principale

Studio Fuksas

2008
Steel Structures900 ton
Façades5000 sq.m.
S M L XL

La sede Fater a Pescara è un'opera di grande impatto, caratterizzata da eclettismo e inaspettata levità. Progettato dall'architetto Massimiliano Fuksas, l'edificio sfrutta le potenzialità dell'acciaio per rispondere alle necessità statiche e architettoniche del progetto.
L’edificio, che all’occhio dell’osservatore unisce grandi gocce di luce che richiamano i cristallini effetti del vicino mare ad un sovrastante anello all’apparenza fluttuante, si divide in realtà in tre diversi solidi corpi.

Il corpo A, edificato in calcestruzzo armato con elementi verticali, quali muri e pilastri, incastrati nella platea di fondazione, presenta colonne d’acciaio realizzate in continuità con i pilastri dell’edificio sovrastante. Si tratta di un corpo interrato, esteso su una superficie di 9070 metri quadrati. Al di sopra della fondazione sono collocati dissipatori sismici che sorreggono l’edificio, isolandolo dalla struttura circostante. Il corpo B, che presenta una struttura ad “elle”, è l’entità inferiore e si sviluppa sino al sesto piano. E’ sorretto da un telaio formato da pilastri in calcestruzzo, rivestiti in acciaio e da colonne cruciformi in acciaio. Il corpo C, infine, che costituisce l’elemento visivamente più spettacolare, ha una struttura anulare ed è realizzato sostanzialmente in acciaio. Esso è sorretto da tripodi in tubi d’acciaio che staccano quest’ultima struttura dal sottostante corpo B ed è costituito da 4 piani.Noi abbiamo realizzato la progettazione esecutiva di tutto il corpo C, il quale ha richiesto una perizia assolutamente straordinaria rispetto ai normali standard costruttivi: la struttura reticolare, posta esternamente all’edificio per il sostegno delle parti vetrate, è composta infatti da nodi geometricamente tutti differenti tra loro. Per essi si è reso necessario un processo di lavorazione e di montaggio ad hoc con una conseguente ricercatezza artistica di notevole levatura. Allo stesso tempo tali elementi hanno richiesto numerosi e sofisticati studi e calcoli sulla stabilità dell’opera presentando un andamento sorprendentemente contrario alla forza di gravità.

L’edificio infatti si deforma seguendo le tre dimensioni orizzontale, verticale ed obliqua e creando un effetto visivo decisamente singolare. La parte superiore è sostenuta da dieci tripodi a tre, due o un braccio che rappresentano gli elementi più critici dell’intero edificio in quanto tutto il corpo C poggia ed è vincolato al corpo B attraverso questi sistemi tubolari all’apparenza esili ma nella realtà estremamente resistenti e verificaticontro il sistema ondulatorio. Una particolarità assoluta di questo edificio sta nella collocazione della facciata vetrata che non è esterna bensì interna al reticolo d’acciaio, con i vetri montati anch’essi dall’interno e non dall’esterno come accade solitamente. Ci siamo occupati anche della cantierizzazione dell’opera attraverso la fornitura ed il montaggio sia delle strutture in acciaio che delle facciate vetrate dei corpi B e C ed ha messo in atto un controllo del flusso dei materiali in cantiere estremamente rigoroso. Sono difatti circa 1000 gli elementi triangolari vetrati, uno diverso dall’altro, e circa 3000 gli elementi costituenti il reticolo di facciata del corpo C che hanno richiesto un montaggio perfetto, millimetrico.


Cliente:
Gruppo De Cecco
Categoria:
Architecture

Key Facts

Committente: De Cecco SpA
Utilizzatore finale: Fater SpA
Progettista: Massimiliano e Doriana Fuksas
Consulenti: Progetto Cmr, Milano (coordinamento generale, sicurezza e impianti); Studio Toniolo, Sirmione (BS), (strutture)
Realizzazione struttura: Stahlbau Pichler Srl, Bolzano
Realizzazione facciate: Stahlbau Pichler Srl, Bolzano
Sistema di facciata: Schueco
Progetto strutturale: Studio Planning
Impresa: Imar